Programma

La prima edizione del Cima Norma Art Festival si svolgerà sull’arco di 10 giorni tra il 21 e il 30 agosto 2020 negli spazi della Fondazione La Fabbrica del Cioccolato e in altri luoghi della valle di Blenio. Questo il programma degli eventi:

21-30 AGOSTO
Ore 10.00-21.00
Naufragi e visioni
Ex Cima Norma – Torre-Blenio

Il cuore del Festival, quello che dà il titolo all’edizione di quest’anno è costituito da un’esposizione che propone le opere di una serie di artisti contemporanei tra i quali figurano alcune figure di spicco del panorama internazionale. La mostra può essere visitata tutti i giorni dalle 10.00 alle 21.00. Tra gli artisti in mostra: John Akomfrah, Julius von Bismarck, Oppy De Bernardo, Gysin & Vanetti, Uriel Orlow, Adrian Paci, Marco Poloni, Reto Rigassi, Simon Starling, Costa Vece e Bill Viola.

21 AGOSTO
Ore 18.30
Inaugurazione
Ex Cima Norma – Torre-Blenio

Apertura ufficiale del Festival con interventi di Elio Schenini, direttore artistico del Festival e di Giovanni Casella Piazza, presidente della Fondazione La Fabbrica del Cioccolato. Segue rinfresco.

21 AGOSTO
Ore 19.30
Marko Miladinovic
Reeding
Ex Cima Norma – Torre-Blenio

Un vortice inesorabile di parole e concetti che cattura il pubblico per poi abbandonarlo  alla deriva in un mare di significati inattesi. Il poeta e performer ticinese Marko Miladinovic si inerpica con la sua poesia tra le pieghe del linguaggio come un funambolo in equilibrio sul filo di naufragi reali e surreali.

21 AGOSTO
Ore 21.00
Peter Kernel
Concerto
Ex Cima Norma – Torre-Blenio

Le atmosfere post-punk del duo ticinese composto da Aris Bassetti e Barbara Lehnhoff in un concerto  che racconta tra linee melodiche ossessive alla chitarra, voci graffianti e ipnotici giri di basso di vite e intimità del nostro tempo. Il ritratto personale di una generazione che nell’inquietudine emotiva di ogni giorno vive il senso di un naufragio sempre incombente.

22 AGOSTO
Ore 19.30
L’arte del fallimento
Incontro con Andrea Fazioli, musica di Alan Rusconi
Ex Cima Norma – Torre-Blenio

Il naufragio come metafora dei fallimenti individuali. Un tema che percorre tutta l’opera narrativa di Andrea Fazioli e che sta al centro dell’Arte del fallimento. Un romanzo in cui lo scrittore ticinese, indagando con delicatezza e umorismo una situazione esistenziale che prima o poi tocca ognuno di noi, insinua una domanda: non sarà che il vero fallimento è non fallire mai?

22 AGOSTO
Ore 21.00
South
Film muto di Frank Hurley (1919). Musica dal vivo di Camilla Sparksss e Simon Berz

Ex Cima Norma – Torre-Blenio

Il tragico viaggio alla conquista del Polo Sud intrapreso da Ernst Shackleton a bordo dell’Endurance in un film muto del 1919 realizzato da uno dei membri della spedizione. Ad accompagnare  le immagini di questo viaggio che finì per naufragare in un vero e proprio  mare di ghiaccio la voce rarefatta e i suoni elettronici di Camilla Sparksss e le percussioni di Simon Berz.

23 AGOSTO
Ore 16.00
50 di voce 50 di blenio
Visita guidata e incontro con i curatori della mostra: Vilmos Cancelli, Tarcisio Cima e Cristian Scapozza
Museo di Blenio – Lottigna-Acquarossa

50 anni di storia bleniese raccontati attraverso le pagine del mensile Voce di Blenio fondato nel 1970. Cinquant’anni in cui la vita della Valle è stata attraversata da cambiamenti radicali e decisivi. Anni in cui molte cose del passato sono scomparse definitivamente, mentre altre sono apparse e altre ancora già si preannunciano. Anni di naufragi e visioni…
Prenotazione richiesta: cristian.scapozza@bluewin.ch

23 AGOSTO
Ore 21.00
Moby Dick
Film di John Huston
Ex Cima Norma – Torre-Blenio

Un classico del cinema girato nel 1956 da John Huston che a sua volta riprende un classico della letteratura scritto da Herman Melville nel 1851. Al centro del film la figura del capitano Achab, interpretato magistralmente da Gregory Peck, che insegue fino al tragico epilogo finale la propria ossessione: una balena bianca.

24 AGOSTO
Ore 21.00
Mor Vran
Cortometraggio di Jean Epstein
Ex Cima Norma – Torre-Blenio

La vita di un villaggio di pescatori bretoni sull’isola di Sein in uno dei capolavori di Epstein del 1931. Mogli e fidanzate vestite di nero si aggirano tra stradine battute dal vento dell’isola e attendono i loro uomini sperando che riescano a sopravvivere allo scatenarsi delle forze marine. Ma anche quando questo non accade la vita prosegue con i suoi ritmi immutabili.

24 AGOSTO
Ore 21.30
Nuovo Mondo
Film di Emanuele Crialese
Ex Cima Norma – Torre-Blenio

L’emigrazione italiana in America tra fine Ottocento e inizio Novecento. La storia del lungo viaggio in nave di una famiglia siciliana che lascia dietro di sé un mondo rurale ancora arcaico e primitivo per raggiungere il miraggio di un mondo nuovo popolato di galline giganti e di fiumi di latte. Un sogno destinato a infrangersi appena sbarcati a Ellis Island.,

25 AGOSTO
Ore 21.00
Fitzcarraldo
Film di Werner Herzog
Ex Cima Norma – Torre-Blenio

Un film che è ormai parte della storia del cinema. Un racconto cucito su misura sulla figura di Klaus Kinski che con il suo sguardo ossessionato riesce a far trascinare una nave intera sopra una montagna. Un film del quale, non a caso, lo stesso Herzog ha detto: “Se io abbandonassi questo progetto sarei un uomo senza sogni, e non voglio vivere in quel modo. Vivo o muoio con questo progetto”.

26 AGOSTO
Ore 21.30
Human Flow
Documentario di Ai Weiwei
Ex Cima Norma – Torre-Blenio

I grandi flussi migratori del nostro tempo raccontati da uno dei più celebri artisti del nostro tempo. Un documentario epico che racconta le vite di migliaia di uomini, donne e bambini che in ogni angolo del globo sono costrette a lasciare la loro terra e a mettersi in marcia per cercare un luogo nel quale vedere riconosciuta la propria dignità di esseri umani. 

27 AGOSTO
Ore 21.00
Le tempestaire
Cortometraggio di Jean Epstein
Ex Cima Norma – Torre-Blenio

La trepidante attesa del marito da parte della moglie di un pescatore, mentre il mare è travolto da una burrasca. Un breve ma intenso sguardo sulla vita dei pescatori bretoni, dove, come sempre nell’opera di Epstein, la stile documentaristico e le sperimentazioni linguistiche capovolgono la realtà in un mondo dominato dall’inquietudine e dal mistero. 

27 AGOSTO
Ore 21.30
Fuocoammare
Film di Gianfranco Rosi
Ex Cima Norma – Torre-Blenio

L’isola di Lampedusa e gli sbarchi dei migranti che ogni giorno tentano la sorte affrontando la traversata del Mediterraneo su mezzi di fortuna  visti dagli occhi di un bambino. Un documentario che nel 2016 ha vinto l’Orso d’oro a Berlino per la sua capacità di raccontare la realtà senza enfasi ed eufemismi.

28 AGOSTO
Ore 19.00
Le Pot
Concerto
Diga del Luzzone

Sonorità sospese tra free jazz e industrial, su cui si innestano suoni rarefatti ma carichi di intensità che ci proiettano in una dimensione cosmica, in un universo futuro ancora avvolto nell’oscurità e di cui riusciamo a percepire solo alcuni bagliori. Composto da Manuel Mengis, Hans-Peter Pfammatter, Lionel Friedli e Manuel Troller, il gruppo svizzero Le Pot propone un serie di improvvisazioni musicali che traggono origine dalla loro trilogia She-Hera-Zade.

28 AGOSTO
Ore 21.00
Niton
Concerto con visuals di Roberto Mucchiut
Diga del Luzzone

Un’esperienza immersiva, in cui la musica ipnotica del gruppo ticinese Niton, composto da Zeno Gabaglio, El Toxyque e Luca Xelius Martegani, si fonde con le elaborazioni visive di Roberto Mucchiut proiettate sul muro di contenimento della diga. Un connubio tra sonorità elettroniche e immagini  di sintesi costruito come un viaggio in mare che non riesce a sottrarsi all’inesorabile rischio del naufragio.

Szenenfoto

28 AGOSTO
Ore 19.00
The Wild Blue Yonder (L’ignoto spazio profondo)
Film di Werner Herzog
Diga del Luzzone

Un film di fantascienza girato da Herzog nel 2005 che induce a riflettere sul destino tragico al quale potrebbe andare incontro il nostro pianeta. Una riflessione filosofica in forma di sperimentazione cinematografica sospesa tra fiction e documentario. L’ennesima grande prova del regista tedesco che con le sue immagini poetiche ci invita a immaginare un mondo nuovo nel quale l’uomo non sia più un alieno.

29 AGOSTO
Ore 19.00
Chiare fresche e… tempestose acque
Spettacolo di danza di Gabriel Obergfell, musica di Simon Berz
Ex Cima Norma – Torre-Blenio

La forza al contempo vitale e distruttiva dell’acqua in una performance messa in scena dal danzatore Gabriel Obergfell e dal musicista Simon Berz. Uno spettacolo intenso, ai bordi del Riale Soia che scorre a fianco della ex Cima Norma, in cui i suoni si intrecciano con i movimenti del corpo mentre gioia e paura si fondono in un nodo inestricabile.

29 AGOSTO
Ore 21.00
Mare morto
Una pièce teatrale di Simone Gandolfo con Mirko D’Urso. Produzione Officina Teatro
Ex Cima Norma – Torre-Blenio

Uno spettacolo del 2019 che dà voce alla tragedia dei migranti che affrontano il mar Mediterraneo con la speranza di un futuro migliore. La storia di chi, nonostante non abbia nulla, possiede la cosa più importante per riuscire a sopravvivere: un’incrollabile fede nel futuro e nell’amore.

30 AGOSTO
Ore 20.30
Il fondo del sacco
Una lettura scenica dal romanzo di Plinio Martini, con Margherita Saltamacchia e Daniele Dell’Agnola. Produzione: Teatro Sociale, Bellinzona
Ex Cima Norma – Torre-Blenio

Un racconto di emigrazione, ma anche di illusioni, false speranze e amarezze, di amore e dolore incancellabili… un sacco pieno di fatiche da svuotare per liberarsene e per continuare quella ricerca di sé cominciata a vent’anni con il primo viaggio da Cavergno alla California. Il naufragio di una vita (di tante vite), mai veramente arrivate in America, mai davvero tornate in Ticino e naufragate da qualche parte lì in mezzo.